Certificazione industrie insalubri - dichiarazioni di inizio attività e successive variazioni

Oggetto     

Certificazione industrie insalubri - dichiarazioni di inizio attività e successive variazioni

Area tematica

Territorio, ambiente, raccolta legna, rifiuti

Descrizione   

Chiunque intenda attivare un’attività che può risultare pericolosa alla salute pubblica, deve darne avviso al Sindaco, il quale, quando lo ritenga necessario nell’interesse della salute pubblica, può evitarne l’attivazione o subordinarla a determinate cautele.
Questo procedimento è finalizzato anche alla classificazione delle attività insalubri, che sono indicate in un elenco diviso in due classi in funzione alla loro pericolosità.
Le principali norme di riferimento sono: art.216 T.U.LL.SS.n.1265 del 27 luglio 1934, D.M. 5 settembre 1994.

Responsabile procedimento: Marco Pascolini

: 30

: Regolamento comunale sul procedimento amministrativo

Ufficio: Ambiente

 

 

COSA SI DEVE DICHIARARE

La dichiarazione deve essere presentata in uno dei seguenti casi:
- inizio attività e dichiarazione di industria insalubre;
- subentro attività e classificazione industria insalubre;
- trasferimento attività e classificazione industria insalubre;
- cessazione attività.

CHI DEVE PRESENTARE LA DICHIARAZIONE

Devono presentare la dichiarazione il titolare o il legale rappresentante dell’attività.

COME COMPILARE LA DICHIARAZIONE

La dichiarazione deve essere compilata utilizzando il modulo allegato.

ALLEGATI ALLA DICHIARAZIONE

Alla dichiarazione devono essere allegati, in duplice copia:
- planimetria aggiornata in scala 1:2000 o 1:1000 dell'area in cui è insediata la ditta, con un raggio di almeno 1000 metri attorno alla stessa;
- pianta in scala 1:100 della sede dell’attività con lay-out degli impianti e indicazione dei punti di emissione;
- relazione tecnica redatta sul modulo in calce alla domanda (“Allegato 1”);
- fotocopia del certificato di iscrizione alla Camera di Commercio;
- fotocopia di un valido documento di identità, se la domanda non viene sottoscritta davanti al funzionario che la riceve e che deve riconoscere la persona che sottoscrive.

COME PRESENTARE LA DICHIARAZIONE

La dichiarazione può essere consegnata al Comune in uno dei seguenti modi:
- direttamente, consegnandola all'ufficio di riferimento, all'Ufficio Protocollo oppure allo Sportello del Cittadino durante gli orari di apertura al pubblico;
- tramite fax;
- tramite posta (ordinaria - in questo caso non c’è garanzia di ricevimento - o raccomandata);
- tramite posta elettronica “semplice”, all'indirizzo dell'ufficio di riferimento o del Comune, se firmata digitalmente, oppure se scansionata con allegata la copia del documento di identità (in questo caso non c’è garanzia di ricevimento);
- tramite PEC all'indirizzo PEC del Comune interessato se firmata digitalmente, oppure se scansionata con allegata la copia del documento di identità, in questo caso l'invio ha lo stesso valore di una raccomandata AR.