Passo carraio - mantenimento accesso esistente

Oggetto

Passo carraio - mantenimento accesso esistente

Area Tematica

Viabilità, parcheggi, lavori sulle strade

Descrizione

Questo procedimento, previsto dall'articolo 22 del Codice della Strada e 46 del Regolamento di esecuzione, si utilizza per regolarizzare un passo carraio già esistente per il quale non è mai stata richiesta un'autorizzazione. Chi è in possesso di un autorizzazione rilasciata dopo il 1993 (anno di entrata in vigore delle norme del nuovo Codice della Strada) deve solo verificare di aver esposto in corrispondenza del passo carraio l'apposito cartello omologato e di aver riportato sullo stesso gli estremi dell'autorizzazione. I termini per chiedere il mantenimento di un passo carraio esistente senza incorrere in sanzioni sono scaduti il 28 febbraio 2014, pertanto chi presenta la richiesta dopo tale data incorrerà automaticamente nella sanzione (attualmente pari a 168,00 euro) prevista dal Codice della Strada per l'utilizzo di passi carrai non autorizzati.

Responsabile procedimento: Andrea Patrone

: 30

: Regolamento comunale sul procedimento amministrativo.

Ufficio: Edilizia privata

I termini per chiedere il mantenimento di un passo carraio esistente senza incorrere in sanzioni sono scaduti il 28 febbraio 2014, pertanto chi presenta la richiesta dopo tale data incorrerà automaticamente nella sanzione (attualmente pari a 168,00 euro ) prevista dal Codice della Strada per l'utilizzo di passi carrai non autorizzati.

CHI PUÒ PRESENTARE LA DOMANDA

La domanda viene presentata dalla persona fisica o giuridica proprietaria o comproprietaria del fabbricato interessato. Per i condomini la domanda può essere presentata dagli amministratori pro tempore.

COME COMPILARE LA DOMANDA

La domanda deve essere compilata utilizzando il modello allegato.

ALLEGATI ALLA DOMANDA

- estratto di mappa con l'individuazione, in coloritura rossa, dell'accesso;

- documentazione fotografica dalla quale risulti anche lo stato di fatto delle recinzioni e accessi carrai delle proprietà confinanti;

- una marca da bollo per il rilascio dell'autorizzazione.

COME PRESENTARE LA DOMANDA

La domanda può essere consegnata al Comune in uno dei seguenti modi:

- direttamente, consegnandola all'ufficio di riferimento, all'Ufficio Protocollo oppure allo Sportello del Cittadino durante gli orari di apertura al pubblico;

- tramite fax;

- tramite posta (ordinaria - in questo caso non c’è garanzia di ricevimento - o raccomandata);

- tramite posta elettronica “semplice”, all'indirizzo dell'ufficio di riferimento o del Comune, se firmata digitalmente, oppure se scansionata con allegata la copia del documento di identità (in questo caso non c’è garanzia di ricevimento);

- tramite PEC all'indirizzo PEC del Comune interessato se firmata digitalmente, oppure se scansionata con allegata la copia del documento di identità, in questo caso l'invio ha lo stesso valore di una raccomandata AR.

Una volta ricevuta l'autorizzazione è necessario acquistare un cartello in cui verranno indicati gli estremi dell'autorizzazione stessa.

COSA FARE SE L’UFFICIO NON RISPONDE

Se il Responsabile del procedimento indicato nella sezione riferimenti non risponde entro il termine per la conclusione indicato nella stessa sezione, il cittadino può chiedere al Segretario Generale del Comune di Tolmezzo di farlo al suo posto, avvalendosi del potere sostitutivo in caso di inerzia per mancata o tardiva emanazione di provvedimenti nei termini da parte dei responsabili inadempienti che gli è stato conferito dalla Giunta Comunale.